Discovery of America: natural law and utopian thinking

Authors

  • Mariano Fazio Ateneo Romano della Santa Croce

DOI:

https://doi.org/10.17421/1121_2179_1992_01_02_Fazio

Abstract

La scoperta dell'America suscitò diversi problemi teorici ai quali si cercò di trovare una risposta filosofica. Nel XVI secolo, la scuola di Salamanca, fondandosi su una concezione tomista della persona umana, difese la dignità degli aborigeni americani, e nel giustificare i titoli giuridici della Corona Castigliana in America gettò le basi del Diritto Internazionale. Juan Ginés de Sepùlveda, mediante elementi della tradizione aristotelica e teocratica, tentò di giustificare le guerre di conquista. Nell'Europa non spagnola, la visione da paradiso terrestre dell'America riportata da viaggiatori e scopritori, incoraggiò vitalmente una corrente utopistica di pensiero politico. Moro, Montaigne e Rousseau sono i tre rappresentanti più importanti di questa corrente interpretativa. Il quinto centenario ripresenta l'attualità del dilemma realismo-utopia.

Published

30-09-1992

How to Cite

Fazio, Mariano. “Discovery of America: Natural Law and Utopian Thinking”. Acta Philosophica 1, no. 2 (September 30, 1992): 215–232. Accessed July 23, 2024. https://www.actaphilosophica.it/article/view/4320.

Issue

Section

Studies