Risorse Bibliografiche

OBERHAUSEN Michael (Hrsg.), Vernunftkritik und Aufkärung. Studien zur Philosophie Kants und seines Jahrhunderts, Frommann-Holzboog, Stuttgart — Bad Cannstatt 2001, pp. 416.

fascicolo I, volume 11 (2002), p. 192.
Schede bibliografiche

OBERHAUSEN Michael (Hrsg.), Vernunftkritik und Aufkärung. Studien zur Philosophie Kants und seines Jahrhunderts, Frommann-Holzboog, Stuttgart — Bad Cannstatt 2001, pp. 416.

Non è usuale trovare una Festschrift che, pur nella varietà degli argomenti trattati dagli autori, riesca a conservare una chiara unità tematica di fondo. Tuttavia, grazie ai criteri di delimitazione storica fissati dal curatore, la presente raccolta di saggi in onore del Prof. Norbert Hinske offre ai lettori un utile spaccato dell’attuale storiografia filosofica nell’ambito dell’illuminismo tedesco. Spicca inoltre il carattere internazionale dei ventuno contributi che compongono l’opera, metà dei quali sono stati redatti da studiosi provenienti da aree culturali non-tedesche.Senza voler pregiudicare il valore degli altri contributi, vogliamo segnalare a titolo meramente illustrativo quello di Luigi Cataldi Madonna sulla teoria e la critica della ragione in Leibniz, il saggio di Jean École sui rapporti della metafisica wolffiana con la scolastica, e l’articolo di Robert Theis L’impronta di Dio nel mondo? sull’ottimismo kantiano. D’altra parte, oltre a questi ed altri studi svolti con una prospettiva che potremmo chiamare più tradizionale, c’è il contributo di Katrin Tenenbaum che sviluppa il rapporto fra la universalità maschile e la particolarità femminile nell’antropologia kantiana, come un apporto al chiarimento di ciò che è l’uomo. Solo due articoli esulano dall’ambito dell’illuminismo tedesco: lo studio di Reiner Specht, John Lockes Lehre vom Allgemeinen, e l’analisi storiografica di Lothar Kreimendahl sulle fonti della Teodicea humeana.Anche se il filosofo di Königsberg è la figura più ricorrente lungo queste pagine, non abbiamo però fra le mani un volume dedicato unicamente a quest’autore. Esso riflette piuttosto il fitto rapporto di idee stabilito tra i diversi pensatori tedeschi del secolo dei lumi, come sono tra altri Wolff, Leibniz, Reinhold, Baumgarten e lo stesso Kant. Perciò, quest’insieme di articoli può essere anche di particolare interesse per chi vuole capire meglio il retroscena intellettuale del pensiero kantiano. FRANCISCO FERNÁNDEZ LABASTIDA