Risorse Bibliografiche

KREIMENDAHL Lothar, Kant-Index, Band 39: Stellenindex und Konkordanz zur Preisschrift von 1762/64, zu den „Negativen Größen“ und zur Vorlesungsankündigung für 1765/66, Forschungen und Materialien zur deutschen Aufklärung [FMDA]; Abteilung III: Indices; Kant-Index Section III: Indices zum Corpus der vorkritischen Schriften, Band 46.1 und 46.2, Frommann-Holzboog, Stuttgart — Bad Cannstatt 2006, pp. LXXI + 631.

fascicolo II, volume 15 (2006), pp. 376-377.
Schede bibliografiche

KREIMENDAHL Lothar, Kant-Index, Band 39: Stellenindex und Konkordanz zur Preisschrift von 1762/64, zu den „Negativen Größen“ und zur Vorlesungsankündigung für 1765/66, Forschungen und Materialien zur deutschen Aufklärung [FMDA]; Abteilung III: Indices; Kant-Index Section III: Indices zum Corpus der vorkritischen Schriften, Band 46.1 und 46.2, Frommann-Holzboog, Stuttgart — Bad Cannstatt 2006, pp. LXXI + 631.

 

 

Dal 1986 è in corso la pubblicazione del Kant-Index nella collana “Ricerche e materiali sull’Illuminismo tedesco” dell’editrice Frommann-Holzboog. Questo grande progetto di indicizzazione delle opere del filosofo di Königsberg, iniziato da Norbert Hinske, sin dal 1996 è portato avanti da un gruppo di lavoro composto da studiosi delle università di Mannheim e Treviri, diretti da Lothar Kreimendahl (Mannheim) e dallo stesso Hinske (Treviri). Grazie all’aiuto dei moderni sistemi informatici, questa équipe di ricercatori ha già pubblicato parecchi volumi contenenti l’indice lemmatizzato di parole, insieme alle concordanze ed altri indici specializzati, di diversi scritti dell’opus kantianum. Per il momento, sono già stati dati alla stampa undici volumi di indici e concordanze, appartenenti a tre diverse sezioni del Kant-Index: sei della prima sezione, che è dedicata alle opere logiche; tre della seconda sezione (opere etiche), e due della terza sezione (opere del periodo precritico). Il primo volume di quest’ultima sezione del Kant-Index, a cura di Lothar Kreimendahl, fu pubblicato nel 2003, e conteneva l’indice e le concordanze della prima opera a carattere metafisico che Kant diede alla stampa: il saggio L’unico argomento possibile per dimostrare l’esistenza di Dio («Beweisgrund»), del 1763. Il secondo volume, che presentiamo ora, è stato realizzato dallo stesso Kreimendahl, in collaborazione con Heinrich P. Delfosse e Michael Oberhausen, e contiene, in due tomi, gli indici lessico-semantici e le concordanze di tre altri scritti kantiani degli anni sessanta: l’Indagine sull’evidenza dei principi della teologia naturale e della morale («Preisschrift von 1762/1764»), il Tentativo di introdurre in filosofia il concetto di grandezze negative («Negativen Größen», 1763) e la Notizia sull’indirizzo delle lezioni per il semestre invernale 1765-1766 («Vorlesungsankündigung für 1765/66»).

Oltre agli indici e le concordanze, questo volume è corredato da una lunga sezione introduttiva, in cui vengono contestualizzate le tre opere suddette nell’insieme della produzione filosofica kantiana di quegli anni. Le analisi lessicali fatte da Kreimendahl e dai suoi collaboratori vanno ben al di là del mero studio filologico delle opere: per mezzo di esse si getta una nuova luce sul doppio processo di allontanamento di Kant dalla metafisica wolffiana del suo tempo, e di gestazione della sua filosofia critica. Come anello di congiunzione con il primo volume della sezione, c’è anche una tabella comparativa della frequenza dei lemmi nei quattro scritti precritici sinora indicizzati. Tutte le scelte fatte nell’elaborazione degli indici vengono largamente spiegate: i criteri per la classifica dei lemmi, la soluzione delle ambiguità prodotte da parole omofone o omografe, ecc.

Chiunque voglia fare uno studio serio dello sviluppo della filosofia critica del filosofo di Königsberg, o più in generale, dell’Aufklärung tedesco, troverà molto utili questi sussidi per lo svolgimento delle sue ricerche. Speriamo che presto l’insieme del  Kant-Index venga reso usufruibile anche in versione informatica, il che lo renderebbe ancor più agevole e potente.

 

F. Fernández Labastida